Lorée

Lorée

E’ nel 1881 che François Lorée, anziano capo officina presso la ditta Triébert, fonda la sua propria azienda di oboi. Suo figlio Lucien, al quale egli ha trasmesso la sua arte, gli succede alla sua morte nel 1902. Con la partecipazione di George Gillet, professore al conservatorio di Parigi, Lucien Lorée modernizza l’oboe e realizza numerose invenzioni, tra le quali nel 1906 il famoso “modello Conservatorio a plateaux”, rapidamente adottato dai solisti del mondo intero. Il fabbricante di strumenti Raymond Dubois prende il controllo della fabbrica nel 1925, ma Lucien Lorée resta il solo responsabile della fabbricazione.

Nel 1935, Robert de Gourdon genero di Raymond Dubois, entra in azienda ed ha l’opportunità di lavorare a stretta contatto con Lucien Lorée. Un’abilità ed una esperienza che Robert de Gourdon trasmetterà, nel 1947, a suo figlio Alain che presiede oggi la società de Gourdon.

Alain de Gourdon acquista nel 1974 la marca Cabart, di cui farà una gamma di strumenti da studio, apprezzata per la perfetta intonazione e la qualità della sua fabbricazione. Su richiesta di numerosi docenti e al fine di permettere ai giovani di intraprendere lo studio dell’oboe, l’azienda inventa il “Cabart piccole mani”, modello più leggero, con sistema semplificato e a plateaux ravvicinati, riscontra un grande successo tra i principianti.

loree_1

A lui si deve anche un modello di alta gamma creato nel 1989, che unisce musicalità, affidabilità ed estetica: il Royal, che resta un riferimento per gli oboisti di tutto il mondo.Nel 2006, per celebrare i 125 ann della fondazione dell’azienda F. Lroée oltre che il centenario del modello “Conservatorio a plateaux” è stata realizzata una serie limitata di oboi Royal.

Maggiori informazioni sul sito ufficiale www.loree-paris.com

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>